PREMOLO – 93 NARRARE LA SOLITUDINE

DocenteGreta Capelli
GiornoMercoledì  
Orario15.00 – 17.15
PeriodoDal 6.10.2021 al 3.11.2021(5 incontri)
SedeCasa dei Premolesi, via Ranica 105 (€ 15)
ArgomentoPsicologia
PresentazioneChe cosa accomuna, e che cosa invece differenzia, la solitudine dalla più semplice espressione “stare da soli”? Così come si fa con una storia, cercheremo di narrare, interrogare, condividere e scoprire altri significati di questo vissuto tanto universale quanto profondamente intimo. A partire dall’esplorazione delle molteplici e differenti sfaccettature della solitudine, il corso si propone di coinvolgere attivamente i partecipanti nella ricerca di strumenti quotidiani e creativi utili ad imparare a conoscere e vivere a contatto con la solitudine, così come a renderla una preziosa condizione a servizio del proprio benessere psicofisico.  

Calendario   

16.10.2021La solitudine è un vissuto estremamente complesso e dalle molteplici sfaccettature. Possiamo ricercarla e sperimentarla positivamente o, al contrario, rifuggirla e percepirla come fonte di sofferenza ed isolamento. A determinarne le differenti connotazioni contribuiscono molteplici fattori, tra i quali l’esperienza soggettiva, quella collettiva ed il contesto socioculturale che abitiamo.  
213.10.2021La solitudine può essere sperimentata come una condizione subita, talvolta imposta, in grado di intaccare e debilitare il nostro benessere psicofisico. “Sentirsi soli” è uno dei possibili volti della solitudine, ed è spesso associato a vissuti negativi di depressione e inadeguatezza. Vi sono però strategie, abitudini e modalità alternative per entrare in contatto con la solitudine, le quali possono essere condivise ed esplorate attraverso il gruppo.  
320.10.2021Quando iniziamo a sperimentare la solitudine? Winnicott, grande pediatra e psicanalista britannico, ci offre qualche spunto a riguardo. A partire dalle sue osservazioni sul processo infantile della separazione, esploreremo e rifletteremo su come l’esperienza della solitudine durante il ciclo di vita, se curata e valorizzata, possa permettere l’acquisizione della coscienza dell’“IO SONO”.  
427.10.2021Nominare, raccontare e condividere la solitudine apre alla possibilità di guardare ad essa attraverso nuove prospettive. Grazie all’utilizzo di uno strumento creativo, nonché veicolo comunicativo, si può narrare la solitudine ed i suoi significati. Il gruppo diventerà potente mezzo di indagine, dialogo e restituzione, così come anche un’occasione di sperimentare lo sguardo altrui in relazione a questo vissuto.  
503.11.2021Nominare, raccontare e condividere la solitudine apre alla possibilità di guardare ad essa attraverso nuove prospettive. Grazie all’utilizzo di uno strumento creativo, nonché veicolo comunicativo, si può narrare la solitudine ed i suoi significati. Il gruppo diventerà potente mezzo di indagine, dialogo e restituzione, così come anche un’occasione di sperimentare lo sguardo altrui in relazione a questo vissuto.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *