CLUSONE 104 – ESTETICO, ANTIESTETICO, BELLO E BRUTTO: PAROLE CHE CONTANO NELLA STORIA DELL’ARTE

DocenteDario Franchi
GiornoVenerdì 
Orario14.45-17 
PeriodoDal 14.1.2022 al 4.3.2022 
SedeAuditorium della Scuola elementare (€ 32) 
ArgomentoStoria dell’arte 
PresentazioneParlando di storia dell’arte usiamo spesso categorie utili a raggruppare stili, periodi storici o fenomeni estetici. Questo corso di formazione “estetica” vuole fornire alcuni strumenti critici per capire meglio la storia dell’arte, al di là del suo sviluppo cronologico, utilizzando ad esempio concetti contrapposti come bello e brutto, arte classica e anticlassica, figurativa e non figurativa, accademica e d’avanguardia, progressista e decadente… È corretto usare il termine classico, come fanno molti critici, a proposito di Fidia, Raffaello, Caravaggio ma anche di Cezanne, Picasso e Manzù? E ancora: è possibile usare gli stessi canoni estetici per un dipinto antico, un manufatto preistorico e un oggetto di design moderno? Artisti e opere note e meno note si potranno così riscoprire da un punto di vista non convenzionale. 

Calendario    

114.01.2022Estetico, antiestetico; bello brutto. È bello ciò che è bello o è bello ciò che piace? Il bello e il brutto nelle arti visive. La funzione estetica nella nostra tradizione, nei primitivi e nel mondo contemporaneo. Arte e potere, arte e religione, arte per l’arte.
221.01.2022Arte primitiva, antica, medievale, moderna e contemporanea: la periodizzazione nella storia e nella storia dell’arte. I limiti della periodizzazione degli stili; il caso di Bergamo. I “revivals” nella storia dell’arte.  Centro e periferia: arte di città arte di provincia. Il policentrismo tipico dell’Italia. La marginalità dell’arte meridionale. La periferia: solo ritardo o diversità? Bergamo: centro o periferia? Il caso del Lotto, dei pittori bergamaschi a Venezia e di Caravaggio.
328.01.2022Estetica, critica d’arte e storia dell’arte. Le teorie dell’arte da Vasari a Winckelmann. La critica d’arte nel XX secolo: la teoria della pura visibilità, la scuola iconologica e la storia sociale dell’arte. Esiste un metodo di lettura scientificamente corretto?
404.02.2022Iconismo e aniconismo (figurativo e astratto). Realismo e naturalismo. Il realismo nell’arte antica, moderna e contemporanea. L’astrattismo nell’arte antica, moderna e contemporanea.
511.02.2022Arte e artigianato. Industria e design. Arti maggiori e arti minori. Artista come artigiano, cortigiano, funzionario statale e ribelle. L’artista progettista: la nascita del design in età moderna: da William Morris al Bauhaus
618.02.2022Arte colta e arte popolare. L’arte è per tutti o è per pochi? L’arte di élite nella tradizione occidentale: dall’arte augustea al re sole. L’arte popolare dalla preistoria al liberty. Etnologia e cultura popolare. La cultura popolare oggi: la pop art, il graffitismo, il kitsch.
725.02.2022Classico e anticlassico. L’idea del classico e del classicismo. L’antichità classica e la sua tradizione: dai revivals medievali al classicismo del XX secolo. L’idea del classico nella modernità: Cezanne, Matisse, Braque, Morandi, Manzù; Le Corbusier in architettura. La concezione anticlassica dei periodi arcaici, del Medio evo e del barocco.
804.03.2022Classico e anticlassico. L’idea del classico e del classicismo. L’antichità classica e la sua tradizione: dai revivals medievali al classicismo del XX secolo. L’idea del classico nella modernità: Cezanne, Matisse, Braque, Morandi, Manzù; Le Corbusier in architettura. La concezione anticlassica dei periodi arcaici, del Medio evo e del barocco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *