25 aprile: una data da ricordare, un giorno da festeggiare

Sono passati ormai 75 anni e c’è il rischio che diventi una ricorrenza ripetitiva, di cui si perde il valore. E invece dobbiamo ricordarla e festeggiarla: è la data che ci ricorda un’Italia uscita dalla dittatura e dalla guerra, un’Italia che ha voltato pagina rispetto alle leggi razziali (ho letto oggi sui giornali il ricordo di una bambina espulsa da tutte le scuole del Regno per aver difeso una sua compagna di classe ebrea insultata e offesa), ha voltato pagina rispetto ai giuramenti di fedeltà imposti ai professori e a confino e segregazione imposti a tanti intellettuali, solo per restare a temi culturali che sono cari a Terza Università.

La Libertà ritrovata è una festa! Quest’anno non possiamo festeggiare per le strade, ma festeggiamo nelle nostre case e nei nostri cuori. Buon 25 aprile a tutte e a tutti.

Orazio Amboni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.